HOME FORUM Protezione, salvaguardia e ripristino degli habitat costieri e marini Le tecnologie omiche applicate alla conservazione ambientale

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  mariscuba 1 anno fa.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #954

    mariscuba
    Partecipante

    Le scienze omiche sono semplicemente tutte quelle discipline della biologia molecolare il cui suffisso finisce per “omica” e che permette di distinguere agevolmente uno specifico campo di studi. Da 10 anni la metagenomica e le discipline da essa derivate studiano le comunità direttamente nel loro contesto naturale (suolo, acqua, aria…) riducendo i costi e gli sforzi degli approcci tradizionali e la necessità di dover allevare/coltivare gli organismi in vitro. Con il fine ultimo di proteggere le zone costiere, è sempre più necessario un approccio di gestione integrata che possa rispettare il contesto socio-economico e culturale delle popolazioni umane usufruttuarie di un determinato territorio e, allo stesso tempo, l’ambiente naturale. Azioni che devono essere pianificate in maniera responsabile e sostenibile e con la partecipazione di personale tecnico efficientemente competente e preparato nelle varie discipline utilizzate. L’utilizzo delle tecnologie omiche in questione richiede una ineccepibile e comprovata professionalità in ecologia molecolare e bioinformatica. Così come dei finanziamenti adeguati per la messa a punto dei protocolli da applicare nei vari contesti di ricerca.
    Quali sono le prospettive per le regioni coinvolte in CampItaly?

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.